Transizione 5.0

 

 

Il Piano di Transizione 5.0, ancora in attesa dei decreti attuativi, ha l’obiettivo di coniugare transizione

digitale e sostenibilità. Riprende ed amplia la precedente Transizione 4.0, incentiva, sotto forma di credito

d’imposta gli investimenti 4.0 che manifestino però dei risultati tangibili in termini di efficientamento

energetico.

Dotazione finanziaria

Sono stati disposti 6,3 miliardi dei quali:

• 3.780.000€ dedicati ai beni strumentali

• 1.890.000€ dedicati all’autoconsumo e all’auto produzione

• 630.000€ formazione del personale finalizzata all’acquisizione delle competenze

Il bonus è riconosciuto per investimenti effettuati volti a migliorare il consumo energetico ed in particolare:

• Miglioramento del 3% se riferito al singolo macchinario o alla singola unità produttiva

• Miglioramento del 5% se riferito al processo produttivo nella sua interezza

Il bonus si concretizza tramite un credito d’imposta da compensare negli F24.

Entità del Bonus

35% per gli investimenti fino a 2,5 milioni

15% per gli investimenti superiori a 2,5 milioni fino a 10 milioni

5% per gli investimenti superiori a 10 milioni e fino al limite massimo di 50 milioni di costi ammissibili

Il credito d’imposta può arrivare fino al 40% e 45% in caso di una riduzione dei consumi energetici sia

superiore al 6% e al 10%. Il risparmio è calcolato su base annua in relazione all’esercizio precedente, per

le nuove imprese si tiene conto dei consumi energetici medi annui riferibili a uno scenario controfattuale.

Per quanto riguarda gli impianti fotovoltaici , l’incentivo è limitato ai soli impianti basati su pannelli prodotti

nell’ Unione europea con efficienza pari ad almeno il 21,5%.

Maggiorazioni

Sono previste le seguenti maggiorazioni:

120%per i moduli fotovoltaici con celle, prodotti nell’Unione europea con un’efficienza a livello di cella

almeno pari al 23,5 per cento;

140%per i moduli prodotti negli nell’Unione europea composti da celle bifacciali ad eterogiunzione di

silicio o tandem con un’efficienza di cella almeno pari al 24,0 per cento. Questa maggiorazione non è

limitata al costo dei moduli, ma si estende al costo dell’intero impianto fotovoltaico. Si arriva così a un

incentivo potenziale del 63% (45% di aliquota massima del Transizione 5.0 con la maggiorazione del

140% della base imponibile). La maggiorazione si applicherà sulla sola parte relativa agli impianti

fotovoltaici e non anche ai beni strumentali e alla formazione.

Tabella riassuntiva delle aliquote.

Transizione 5.0.